fbpx

Lombalgia

Francesco Langianese – miodottore.it

Autore: Francesco Langianese  Massofisioterapista – Terapista manuale osteopatico

 

Lombalgia

Lombalgia

La lombalgia, più comunemente detta mal di schiena, è un disturbo comune che coinvolge muscoli, ossa della colonna. Essa colpisce, ad un certo punto della loro vita, circa il 40% delle persone.

La lombalgia può essere classificata per durata: acuta (durata inferiore alle 6 settimane), sub-cronica (da 6 a 12 settimane) o cronica (più di 12 settimane); la lombalgia acuta è anche nota popolarmente come colpo della strega. La condizione può essere ulteriormente classificata dalla causa di fondo del dolore, che può essere meccanica o non meccanica.

Nella maggior parte degli episodi di lombalgia, una specifica causa sottostante non viene identificata o nemmeno ricercata. Se il dolore non passa con il trattamento conservativo o se è accompagnato da “red flag” (inspiegabile perdita di peso, febbre o altri problemi significativi) devono essere fatti ulteriori esami  per escludere un serio problema di fondo. Alcuni casi sono dovuti ai dischi intervertebrali danneggiati, utile in questo caso una risonanza magnetica.

Cosa fare:

Il trattamento non specifico della lombalgia acuta è in genere effettuato tramite misure conservative, importantissimo iniziare subito un ciclo di fisioterapia, terapia manuale, tecarterapia e  ginnastica correttiva abbinato a semplici farmaci per il dolore.

Lombalgia

L’assunzione di medicinali è raccomandata esclusivamente per la durata della loro efficacia, con il paracetamolo come farmaco di prima scelta (consultare sempre il proprio medico prima di assumere dei farmaci). Per coloro che non sperimentano miglioramenti con il trattamento conservativo, vi sono altre opzioni disponibili. Gli oppioidi possono rivelarsi utili nel caso che i semplici antidolorifici non diano risultati, tuttavia essi non sono generalmente raccomandati, per i loro effetti collaterali. La chirurgia può essere utile nei pazienti con dolore cronico e disabilità correlati a patologie a carico del disco. L’intervento chirurgico può essere altresì raccomandato in coloro che presentano stenosi spinale.
La lombalgia spesso influenza l’umore, il quale può essere migliorato tramite la psicoterapia e/o l’assunzione di antidepressivi.

 

Share

Lascia un commento

Share